Home
-BIBLIOTECA "DON PEPPINO LANNIA"-
-Parrocchia SS.Salvatore-
(Diocesi di Pozzuoli)
Image
17 febbraio 2021 – Le amiche – di Nadia Giberti (Rossini Editore)
Ti racconto...un libro. Rubrica letteraria della biblioteca Don Peppino Lannia
   Il libro a cui oggi la nostra rubrica dedica il suo spazio è "Le amiche" di Nadia Giberti, edito da Rossini.
  La scrittrice, Nadia Giberti, è nata a Solarolo, una piccola Cittadina in provincia di Ravenna, ma ha quasi sempre vissuto ad Imola e da qualche tempo si è trasferita a Bagnara di Romagna.
  Come racconta nel suo video, Nadia Giberti ha potuto dedicarsi alla sua passione, lo scrivere, solo da poco tempo, poichè è stata pienamente impegnata in esperienze lavorative che, comunque, le hanno dato lo spunto per i suoi scritti.
  Pienamente impegnata nella promozione culturale nell'ambito di gruppi letterari, Nadia Giberti è  l'autrice di numerosi racconti che hanno riscosso una critica favorevole e diversi riconoscimenti.
  Oggi ha al suo attivo due romanzi: "La baracchina" e "Le amiche". Sono "gialli" e nel primo, come è stato evidenziato in precedenza, Nadia Giberti fa tesoro della sue esperienza lavorativa per costruire una trama, intricata e vivace, che porta i gestori di un piccolo chiosco a partecipare alle indagini condotte per risolvere un caso spinoso e complicato.
  Il suo secondo romanzo è "Le Amiche". In questa sua seconda opera, Nadia Giberti si impegna non solo a rendere avvincente la trama del giallo, ma anche a trattare aspetti psicologici che intreccia sapientemente al vissuto dei suoi personaggi e che, come la stessa autrice premette, portano a scoprire il colpevole prima della fine.
  La scrittrice lo definisce un "giallo anomalo", noi lo definiamo "un giallo molto interessante" perchè , non è certo un caso se un "giallo" si trasforma in un romanzo a tutto tondo, che resta avvincente fino all'ultima riga nonostante l'enigma sia già stato risolto.
  Auguriamo a Nadia Giberti il successo che merita e la ringraziamo per l'opportunità che ci ha offerto di presentare i suoi romanzi.