Home
-BIBLIOTECA "DON PEPPINO LANNIA"-
-Parrocchia SS.Salvatore-
(Diocesi di Pozzuoli)
Image
31 dicembre 2020: Il Diario Del Silenzio – Storie reali di quarantena – di Martina Vaggi
Ti racconto...un libro. Rubrica letteraria della biblioteca Don Peppino Lannia

  Oggi presentiamo un libro che tratta di problematiche attualissime. Infatti "Il diario del silenzio-Storie reali di quarantena" ci racconta della inimmaginabile esperienza del lockdown nella prima ondata di una pandemia che ancora tragicamente ci tocca.
  L'autrice, Martina Vaggi, è nata a Voghera nel 1991, laureata in lettere moderne, ha collaborato con alcune testate giornalistiche locali e a riviste on line. Ha coltivato, fin dai primi anni di scuola , il sogno di poter essere una scrittrice, sogno che inizia a materializzarsi nel 2017, ma trova la sua realizzazione nel corrente 2020, forse per una naturale reazione al carico di paura, incertezza, tristezza e disorientamento che ogni essere umano si è trovato a dover patire per la pandemia in atto e che ogni giorno diviene sempre più pesante.
  Il libro di Martina Vaggi si compone di cinquanta storie, costruite su testimonianze reali che l'autrice non manipola al fine di farne messaggi di speranza o per soddisfare la curosità, a volta morbosa, che determinate situazioni potrebbero contribuire a far nascere.
  Martina Vaggi vuole dar voce alle verità della solitudine in cui le persone sono state astrette, alle loro angosce, alla loro difficoltà di immaginare un futuro. Lo fa con la semplicità di chi racconta una storia reale che vive in prima persona, che è drammaticamente sotto gli occhi di tutti e di cui non può e non vuole addolcire i crudi, tragici aspetti.
   Riteniamo, per l'attualità delle storie raccontate, che il libro di Martina Vaggi sia cronaca fedele di un viaggio che il pianeta Terra e ogni suo singolo abitante sono stati costretti ad intraprendere in un ambito in cui la solitudine regna sovrana, ma che ci aiuta anche a comprendere quanto sia importante recuperare un vero e completo senso di comunità. Per tali motivi ne proponiamo la lettura.

Lettura raccomandata a + anni 16